Sede legale: Piazza Repubblica, 19 Fidenza (Parma)

leggi sui trasporti > Leggi e decreti  > Ape social per i camionisti

Ape social per i camionisti

La Gazzetta Ufficiale ha pubblicato il Decreto sulla possibilità per alcuni lavori difficili o pericolosi di anticipare la data del ritiro. Le domande si possono presentare dal 17 giugno 2017 in poi.

Il 22 maggio è stato firmato il decreto attuativo sulla riforma pensione sul nuovo anticipo pensionistico gratuito, dopo una lunga attesa di sette mesi, come misura di welfare. A differenza dell’Ape di mercato o volontaria, che impone di sottoscrivere un prestito con interessi bancari e premio assicurativo, l’Ape social è interamente a carico dello Stato. La sua durata massima è di 3 anni e 7 mesi, perciò considerando che dall’anno prossimo l’età pensionabile salirà per tutti a 66 anni e 7 mesi, l’età minima per accedere all’Ape social è di 63 anni. Dell’Ape sociale possono beneficiare anche le categorie che svolgono attività ritenute difficoltose o rischiose, tra le quali è stata inserita anche la guida di veicoli industriali per l’autotrasporto di merci. La misura è in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018 e per ottenerla bisogna essere avere specifici requisiti:

  • avere compiuto i 63 anni, con una contribuzione minima di 30 anni;
  • per chi è disoccupato, assistere un parente di primo grado portatore di handicap grave, con 30 anni di contributi;
  • soggetti con invalidità civile pari o superiore al 74% con almeno 30 anni di contributi;
  • il requisito sale a 36 anni per i cosiddetti lavoratori gravosi social, che devono essere svolti per almeno 6 anni.

L’Ape sociale è un reddito ponte fino all’avvio della normale pensione, che prevede una rata mensile fino a un massimo di 1500 euro lordi al mese, per dodici mensilità l’anno. Chi ha i requisiti per farlo, deve inviare per via telematica le domande all’Inps entro il 15 luglio 2017. Questa è però una richiesta preliminare che è analizzata dall’Inps. Una volta che l’Inps risponde in modo positivo (e deve farlo entro il 15 ottobre 2017), i lavoratori dovranno presentare la domanda vera e propria, la quale può essere inoltrata anche tramite patronato.